Commercialisti
Consulenza aziendale
Contabilità
Consulenti del lavoro

Paghe ONLINE

14.12.2017 L’indice di rivalutazione del TFR di novembre 2017  

L’ISTAT ha comunicato che l’indice dei prezzi al consumo per il mese di novembre 2017 è pari al 100,80 punti.

 

Il coefficiente di rivalutazione del TFR valido per le cessazioni dei rapporti di lavoro intervenute nel periodo dal 15/11/2017 al 14/12/2017 è pari al 1,748878.

 

Siamo a disposizione per ulteriori informazioni.


11.12.2017 Lavoro festivo nel settore commercio nel mese di dicembre 2017  

L'accordo provinciale del commercio della Provincia di Bolzano prevede le seguenti regole per il lavoro festivo nel mese di dicembre 2017:


Domeniche 03 dicembre e 10 dicembre 2017
Il lavoro prestato in queste domeniche viene retribuito con la maggiorazione del 40 per cento e un riposo compensativo che deve essere goduto entro i quattordici giorni successivi.

 

Festivo 08 dicembre 2017
Il lavoro prestato in questa giornata viene retribuito con la sola maggiorazione del 95 per cento e i permessi retribuiti vengono aumentati per il numero delle ore lavorate.

 

Domenica d’argento e domenica d’oro 17 e 24 dicembre 2017
Il lavoro prestato in queste due domeniche viene retribuito con la maggiorazione del 95 per cento e un riposo compensativo che deve essere goduto entro i quattordici giorni successivi.

 

Ricordiamo che è vietato adibire al lavoro domenicale, notturno e straordinario lavoratori di età inferiore a 18 anni.

 

Siamo a disposizione per ulteriori informazioni


04.12.2017 Richiesta di visita medica di controllo  

Ricevuta l’istanza dall’azienda, l’INPS provvede ad effettuare la relativa verifica dello stato di salute del lavoratore malato tramite un medico.

 

Il datore di lavoro può presentare la richiesta di visita di controllo in modalità telematica per un proprio dipendente in qualsiasi momento nell’arco della giornata. Tali richieste vengono esaminate dalle sedi Inps nei giorni lavorativi dal lunedì al venerdì e la loro lavorazione varia a seconda del momento della giornata nella quale l’istanza viene presentata.

 

Per una visita di controllo da effettuarsi nella fascia di reperibilità dalle ore 10.00 alle ore 12.00 la richiesta non può essere inviata oltre le ore 8.25 del giorno della visita.

 

Le visite di controllo da effettuarsi nella fascia di reperibilità pomeridiana dalle ore 17.00 alle ore 19.00 devono essere richieste entro le ore 11.59 dello stesso giorno.

 

Il dipendente deve controllare la correttezza dell’indirizzo di reperibilità indicato dal medico sul certificato, in quanto è un requisito essenziale della certificazione di malattia. L’indirizzo può riguardare la residenza abituale o un luogo diverso, purché espressamente specificato.

 

Siamo a disposizione per ulteriori informazioni.


29.11.2017 Vecchi voucher utilizzabili entro il 31/12/2017 - Domanda di rimborso entro il 31/03/2018  

I buoni lavoro richiesti entro il 17/03/2017 possono essere ancora utilizzati per prestazioni il cui svolgimento avrà luogo entro il 31/12/2017.

 

Le prestazioni di lavoro accessorio dovranno essere consuntivate dal committente improrogabilmente entro la data del 15/01/2018 in quanto, dal 16/01/2018, sarà inibito l’accesso alla procedura internet dedicata al lavoro accessorio.

 

I rimborsi delle somme versate entro la data del 17/03/2017 e non utilizzate dal committente alla data del 31/12/2017 potranno essere richiesti all’INPS mediante modello Sc52 entro la data del 31/03/2018.

 

Siamo a disposizione per ulteriori informazioni.
 


17.11.2017 Agevolazioni per assunzioni di dipendenti giovani a partire dal 01/01/2018  

Il disegno di Legge di Stabilità 2018 prevede a partire dal 01/01/2018 un nuovo incentivo all’occupazione per i datori di lavoro che, assumeranno con contratto di lavoro a tempo indeterminato, lavoratori di età inferiore a 30 anni (limitatamente al 2018 il limite di età è innalzato a 35 anni).

 

L’incentivo consiste nell’esonero dal versamento del 50% dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro, per un periodo massimo di 36 mesi, nel limite di 3.000 Euro annui.

 

Il bonus giovani sarà riconosciuto anche nei casi di conversione di un contratto a tempo determinato in contratto a tempo indeterminato, nel rispetto dei requisiti anagrafici richiesti al lavoratore.

 

Qualora il lavoratore sia stato assunto fruendo parzialmente dell’incentivo in esame, e successivamente venga assunto a tempo indeterminato da un nuovo datore di lavoro, quest’ultimo potrà fruire dell’incentivo per il periodo residuo utile alla piena fruizione, indipendentemente dall’età anagrafica del lavoratore alla data della nuova assunzione.

 

Il licenziamento per giustificato motivo oggettivo del lavoratore nella stessa unità produttiva nella quale è assunto il lavoratore per il quale si fruisce dell’esonero, entro i 6 mesi dall’assunzione del lavoratore con incentivo, comporta la perdita dell’incentivo stesso e il recupero delle quote di incentivo già fruite.

 

Siamo a disposizione per ulteriori informazioni.


16.11.2017 CCNL Commercio e Servizi– Elemento Economico di Garanzia (EEG)  

Con la retribuzione del mese di novembre 2017, le aziende del terziario corrisponderanno ai propri dipendenti un Elemento Economico di Garanzia (EEG) in sostituzione della contrattazione di secondo livello o comunque in mancanza di elementi retributivi eccedenti la retribuzione contrattuale.

 

L’ Elemento Economico di Garanzia spetta ai lavoratori a tempo indeterminato e agli apprendisti in forza al 31/10/2017, che risultino iscritti nel libro unico del lavoro da almeno sei mesi.

 

L'importo teorico è pari ai seguenti importi:
- Quadri, 1° e 2° livello (aziende fino a 10 dipendenti): Euro 95,00;
- Quadri, 1° e 2° livello (aziende oltre 10 dipendenti): Euro 105,00;
- 3° e 4° livello (aziende fino a 10 dipendenti): Euro 80,00;
- 3° e 4° livello (aziende oltre 10 dipendenti): Euro 90,00;
- 5°, 6° e 7° livello (aziende fino a 10 dipendenti): Euro 65,00;
- 5°, 6° e 7° livello (aziende oltre 10 dipendenti): Euro 75,00;
- Operatori di vendita 1° categoria (aziende fino a 10 dipendenti): Euro 76,00;
- Operatori di vendita 1° categoria (aziende oltre 10 dipendenti): Euro 85,00;
- Operatori di vendita 2° categoria (aziende fino a 10 dipendenti): Euro 63,00;
- Operatori di vendita 2° categoria (aziende oltre 10 dipendenti): Euro 71,00.

 

L'importo effettivo spettante dovrà essere calcolato in proporzione all'effettiva prestazione lavorativa svolta nel periodo 01/01/2015 – 31/10/2017 e dovrà inoltre essere riproporzionato per i lavoratori a tempo parziale in base al minore orario di lavoro svolto.

 

L'importo dell'EEG è assorbito da ogni trattamento economico individuale o collettivo aggiuntivo rispetto a quanto previsto dal CCNL corrisposto successivamente al 1° gennaio 2015.

 

Siamo a disposizione per ulteriori informazioni.


14.11.2017 L’indice di rivalutazione del TFR di ottobre 2017  

L’ISTAT ha comunicato che l’indice dei prezzi al consumo per il mese di ottobre 2017 è pari al 100,90 punti.

 

Il coefficiente di rivalutazione del TFR valido per le cessazioni dei rapporti di lavoro intervenute nel periodo dal 15/10/2017 al 14/11/2017 è pari al 1,698654.

 

Siamo a disposizione per ulteriori informazioni.


13.10.2017 L’indice di rivalutazione del TFR di settembre 2017  

L’ISTAT ha comunicato che l’indice dei prezzi al consumo per il mese di agosto 2017 è pari al 101,10 punti.

 

Il coefficiente di rivalutazione del TFR valido per le cessazioni dei rapporti di lavoro intervenute nel periodo dal 15/09/2017 al 14/10/2017 è pari al 1,723205.

 

Siamo a disposizione per ulteriori informazioni.


12.10.2017 Attivato il servizio Recupero Password HRPortal  

Tramite questa funzione gli utenti possono richiedere il recupero della password. Verrà inviata sul proprio indirizzo E-Mail (presente sul server) un link ad una pagina web. Tramite una procedura guidata sará possibile ricevere una password provvisoria via mail, che dovrà essere cambiata al primo accesso.

 

Nel punto del menu Documenti trovate le istruzioni dettagliate.

 

Siamo a disposizione per ulteriori informazioni.
 


02.10.2017 Dal 12/10/2017 nuovo obbligo di comunicazione all'INAIL anche di infortuni con prognosi da 1 a 3 giorni  

A partire dal 12/10/2017 devono essere comunicati all’Inail anche gli infortuni subiti dai lavoratori che comportano l'assenza dal lavoro di un solo giorno, oltre a quello dell'evento.

 

Entra in vigore l’obbligo, per i datori di lavori, di comunicare all’Inail, per scopi statistici e informativi, gli infortuni subiti dai lavoratori con prognosi superiore a un giorno, oltre a quello dell’infortunio. In precedenza l’obbligo era solamente a fini assicurativi per gli infortuni oltre i tre giorni, termine che costituisce la soglia minima di intervento dell’Istituto.

 

La comunicazione va eseguita entro 48 ore dalla ricezione del certificato medico e può essere effettuata solamente con i mezzi telematici.

 

Per l’omessa o ritardata comunicazione degli infortuni di durata superiore a un giorno (comunicazione a fini statistici) è prevista la sanzione amministrativa pecuniaria da Euro 500 a Euro 1.800. Mentre la sanzione in riferimento agli infortuni di durata superiore ai tre giorni va da Euro 1.000 a Euro 4.500.

 

Siamo a disposizione per ulteriori informazioni.


27.09.2017 Riduzione o annullamento acconti IRPEF Mod. 730/4  

I collaboratori che hanno presentato la dichiarazione dei redditi tramite modello 730 possono comunicare, entro il corrente mese di settembre, al proprio datore di lavoro che venga effettuato l’annullamento o il versamento di un importo inferiore della seconda oppure unica rata d’acconto IRPEF o cedolare secca sulle locazioni.

 

Siamo a disposizione per ulteriori informazioni.


26.09.2017 Conguaglio contributi Fondo di solidarietà della Provincia Autonoma di Bolzano/Alto Adige  

Il Fondo di solidarietà della Provincia Autonoma di Bolzano assicura una tutela ai lavoratori dipendenti, di datori di lavoro che occupano più di 5 dipendenti, appartenenti a settori che non rientrano nell’ambito di applicazione della cassa integrazione guadagni, che impieghino almeno il 75% dei propri dipendenti in unità produttive ubicate nel territorio della Provincia Autonoma di Bolzano.

 

Per il finanziamento delle prestazioni ordinarie del Fondo è dovuto un contributo dello 0,45%, di cui 0,30% a carico del datore di lavoro e 0,15% a carico dei lavoratori calcolato sulla retribuzione imponibile ai fini previdenziali di tutti i lavoratori dipendenti.

 

Dal mese di 09/2017 sarà versata la contribuzione ordinaria per il FIS Bolzano tramite UNIEMENS e verranno calcolati i contributi arretrati dovuti dal mese 03/2017 al mese 08/2017.

 

I datori di lavoro che hanno già versato il contributo ordinario al Fondo di integrazione salariale nazionale possono recuperare i contributi versati per il periodo dal mese 03/2017 al mese 08/2017.

 

Per i datori di lavoro con più di 15 dipendenti viene recuperato il contributo nella misura del 0,65%, mentre ai datori di lavoro che occupano mediamente da più di 5 a 15 dipendenti verrà compensato il contributi del 0,45% calcolato sulla retribuzione imponibile mensile.

 

Siamo a disposizione per ulteriori informazioni.


14.09.2017 L’indice di rivalutazione del TFR di agosto 2017  

L’ISTAT ha comunicato che l’indice dei prezzi al consumo per il mese di agosto 2017 è pari al 101,40 punti.

 

Il coefficiente di rivalutazione del TFR valido per le cessazioni dei rapporti di lavoro intervenute nel periodo dal 15/08/2017 al 14/09/2017 è pari al 1,822532.

 

Siamo a disposizione per ulteriori informazioni.

 


04.09.2017 Prestazioni di lavoro occasionale (PrestO) - tempi di accredito versamenti F24  

L’Inps comunica che l’accreditamento sul “portafoglio” del Contratto di prestazione occasionale avverrà 9-10 giorni dopo l’effettuazione del pagamento, in considerazione dei tempi stabiliti per il riversamento delle somme da parte degli intermediari (istituti bancari o Poste Italiane SpA) all’Agenzia delle entrate e il successivo riversamento all’Inps delle stesse.

 

Ricordiamo che è necessario l’accreditamento del pagamento effettuato con mod. F24 per poter attivare un contratto di prestazione occasionale.

 

Siamo a disposizione per ulteriori informazioni.
 


02.09.2017 Fondo di solidarietà della Provincia Autonoma di Bolzano/Alto Adige - Iscrizione entro il 08/09/2017  

L’INPS ha reso noto le istruzioni operative ai fini del versamento dei contributi dovuti al Fondo di solidarietà della Provincia Autonoma di Bolzano – Alto Adige (FIS BZ). Le richieste di adesione devono essere trasmesse entro il 08/09/2017 all’INPS.

 

Il Fondo di solidarietà della Provincia Autonoma di Bolzano – Alto Adige assicura una tutela ai lavoratori dipendenti di datori di lavoro, che occupano più di 5 dipendenti, appartenenti a settori che non rientrano nell’ambito di applicazione della cassa integrazione guadagni, che occupano almeno il 75% dei propri dipendenti in unità produttive ubicate nel territorio della Provincia Autonoma di Bolzano – Alto Adige.

 

Per il finanziamento delle prestazioni ordinarie del Fondo è dovuto un contributo dello 0,45%, di cui 0,30% a carico del datore di lavoro e 0,15% a carico dei lavoratori calcolato sulla retribuzione imponibile ai fini previdenziali di tutti i lavoratori dipendenti.

 

I datori di lavoro che occupano da 1 a 5 dipendenti hanno la facoltà di aderire al Fondo.

 

I datori di lavoro sono tenuti a richiedere all’INPS l’attribuzione del codice di autorizzazione 6P, trasmettendo la dichiarazione di responsabilità SC92 entro 08/09/2017.

 

A decorrere dal mese di 09/2017 la contribuzione ordinaria sarà versata tramite UNIEMENS. I contributi arretrati dovuti dal mese 03/2017 al mese 08/2017 dovranno essere versatientro il 16/11/2017.

 

I datori di lavoro che hanno già versato il contributo ordinario al Fondo di integrazione salariale (FIS) a decorrere dal mese di 03/2017, l’INPS chiarisce che dopo avere ottenuto dalla competente struttura territoriale il codice autorizzazione 6P possono recuperare il predetto contributo.

 

Siamo a disposizione per ulteriori informazioni.


29.08.2017 L’indice di rivalutazione del TFR di luglio 2017  

L’ISTAT ha comunicato che l’indice dei prezzi al consumo per il mese di luglio 2017 è pari al 101,00 punti.

 

Il coefficiente di rivalutazione del TFR valido per le cessazioni dei rapporti di lavoro intervenute nel periodo dal 15/07/2017 al 14/08/2017 è pari al 1,398430.

 

Siamo a disposizione per ulteriori informazioni.

 


27.08.2017 Contributo per l’assunzione di persone disabili - Domanda entro 31/08/2017  

Le aziende private possono richiedere all’Ufficio del Lavoro, la concessione di un contributo per l'assunzione di persone con un'invalidità certificata dalla competente commissione medica.

 

Il termine ultimo per la presentazione delle domande è il 31/08/2017.

 

Vengono inoltre concessi contributi per l'acquisto di ausili tecnici (es. adattamento di una scrivania, ecc.) e per la rimozione di barriere architettoniche. Allo scopo, le aziende che hanno assunto una persona disabile presentano una richiesta presso l'Ufficio Servizio lavoro presso l’Ufficio del Lavoro.

 

Siamo a disposizione per ulteriori informazioni.
 


31.07.2017 Mod. 770/2017 - proroga termine invio al 31/10/2017  

È stato pubblicato sulla G.U. 175 del 28/07/2017 il D.P.C.M. 26/07/2017, recante il differimento dei termini per la presentazione del modello 770/2017 al 31/102017.


Siamo a disposizione per ulteriori informazioni.
 


27.07.2017 CCNL Commercio - aumenti retributivi da Agosto 2017  

Confcommercio rende noto che con la retribuzione di agosto 2017 andrà corrisposto ai dipendente un’aumento retributivo.

 

In riferimento al CCNL Commercio era stata prevista la sospensione dell’aumento retributivo che doveva decorrere dal mese di novembre 2016.

 

La Confcommercio conferma la sospensione dell’aumento di novembre 2016, ma allo stesso tempo chiarisce che l’aumento previsto per il mese di agosto 2017 andrà invece corrisposto, in base alle tabelle di seguito riportate:

 

Livello   Aumento 

Q   Euro 41,67
I     Euro 37,53
II    Euro 32,47
III   Euro 27,75
IV   Euro 24,00
V    Euro 21,68
VI   Euro 19,47
VII  Euro 16,67

 

Siamo a disposizione per ulteriori informazioni.


20.07.2017 PrestO - Problemi con piattaforma INPS  

Non è completamente operativa la nuova piattaforma telematica Inps per la gestione del Contratto di Prestazione Occasionale (PrestO).

 

Se l'accesso viene effettuato da un professionista, anche abilitato come intermediario, il sistema di controllo messo a punto dall’Istituto non gli riconosce la possibilità di attivare la prestazione occasionale né per se stesso né per gli altri utilizzatori.

 

Un'anomalia simile è stata riscontrata anche per gli utilizzatori facenti capo a persone fisiche o aziende individuali, mentre risulta funzionare correttamente quando l’utilizzatore è rappresentato da una società.

 

Se fino allo scadere del mese di luglio non sarà possibile contare sull'ausilio degli intermediari abilitati, l'unica via possibile ora è la registrazione diretta di utilizzatori e prestatori sul sito dell'Inps tramite PIN.

 

Gli utilizzatori, quindi, per procurarsi le credenziali dovranno rivolgersi direttamente agli uffici Inps. Il Pin iniziale è composto da 16 caratteri: i primi 8 sono inviati via sms, email o posta elettronica certificata e gli altri 8 con posta ordinaria all'indirizzo di residenza.

 

Siamo a disposizione per ulteriori informazioni.


16.07.2017 Nuovo regolamento per il Lavoro occasionale Voucher - PrestO  

E’ stato introdotto una nuova forma di lavoro occasionale che prende il nome di Contratti a prestazione occasionale (PrestO). Il nuovo strumento potrà essere utilizzato solo dalle piccolissime aziende fino a 5 dipendenti a tempo indeterminato ed entro un tetto complessivo di 5.000 Euro all’anno. Ogni lavoratore può essere pagato fino a netto 2.500 Euro. Il contratto occasionale è espressamente escluso in edilizia e negli appalti.

 

Le aziende devono dare apposita comunicazione almeno un’ora prima dell’inizio della prestazione, attraverso il sito INPS o tramite contact center indicando i dati del prestatore, il luogo della prestazione, la tipologia della prestazione, la data e l’ora di inizio e di termine della prestazione e il compenso pattuito per la prestazione.

 

Per attivare un contratto di prestazione occasionale l’utilizzatore versa attraverso la «piattaforma informatica INPS», le seguenti somme minime per ogni ora di lavoro: 9 Euro compenso netto minimo orario + 33% contribuzione INPS + 3,5% per il premio INAIL + 1% per il finanziamento degli oneri gestionali = Costo minimo complessivo orario 12,38 euro. Il limite minimo di compenso giornaliero non può essere inferiore a 36 Euro per 4 ore.

 

Le aziende e i professionisti effettueranno i pagamenti all’Inps, utilizzando il modello F24 con il codice “CLOC”, senza, però, poter compensare eventuali crediti contributivi o fiscali.

 

Per quanto riguarda i limiti economici, si possono usare i nuovi voucher PrestO:

 

• per ciascun prestatore, con riferimento alla totalità degli utilizzatori, a compensi di importo complessivamente non superiore a 5.000 Euro;
• per ciascun utilizzatore, con riferimento alla totalità dei prestatori, a compensi di importo complessivamente non superiore a 5.000 Euro;
• per le prestazioni complessivamente rese da ogni prestatore in favore del medesimo utilizzatore, a compensi di importo non superiore a 2.500 Euro.

 

Sono computati al 75% del loro importo, i compensi per prestazioni di lavoro da pensionati, studenti sotto i venticinque anni, disoccupati e percettori di prestazioni integrative del salario o di altre prestazioni di sostegno del reddito.

 

In caso di superamento del tetto di 2.500 Euro o del limite di 280 ore nello stesso anno civile, il rapporto si trasforma in un rapporto di lavoro a tempo pieno e indeterminato.

 

Non può applicarsi la regolamentazione delle prestazioni di lavoro occasionali qualora il soggetto interessato abbiano in corso con l’utilizzatore o abbiano cessato, da meno di sei mesi, un rapporto di lavoro subordinato o di collaborazione coordinata e continuativa.

 

Qualora la prestazione lavorativa non abbia avuto luogo, l’utilizzatore è tenuto a comunicare all’Inps, entro i tre giorni successivi al giorno programmato di svolgimento della prestazione, la revoca della dichiarazione trasmessa.

 

In mancanza di revoca, l’Inps provvederà entro il 15 del mese successivo mediante accredito sul conto corrente bancario risultante nell’anagrafica del prestatore al pagamento delle prestazioni e all’accredito dei contributi previdenziali.

 

In caso di violazione dell’obbligo di comunicazione, sia nel caso di omissione che di tardività, sarà comminabile una sanzione amministrativa pecuniaria da 500 a 2.500 euro per ogni prestazione lavorativa giornaliera per cui risulta accertata la trasgressione.

 

Possono ricorrere alla prestazioni occasionali anche le persone fisiche non esercenti attività professionale o d’impresa, le imprese agricole e le pubbliche amministrazioni, per le quali è prevista però una disciplina particolare.

 

Siamo a disposizione per ulteriori informazioni.


14.07.2017 L’indice di rivalutazione del TFR di giugno 2017  

L’ISTAT ha comunicato che l’indice dei prezzi al consumo per il mese di giugno 2017 è pari al 101,00 punti.

 

Il coefficiente di rivalutazione del TFR valido per le cessazioni dei rapporti di lavoro intervenute nel periodo dal 15/06/2017 al 14/07/2017 è pari al 1,273430.

 

Siamo a disposizione per ulteriori informazioni.


15.06.2017 L’indice di rivalutazione del TFR di maggio 2017  

L’ISTAT ha comunicato che l’indice dei prezzi al consumo per il mese di maggio 2017 è pari al 101,10 punti.

 

Il coefficiente di rivalutazione del TFR valido per le cessazioni dei rapporti di lavoro intervenute nel periodo dal 15/05/2017 al 14/06/2017 è pari al 1,223205.

 

Siamo a disposizione per ulteriori informazioni.


08.06.2017 Dopo-Voucher - cosa è previsto nel futuro?  

Dato la eliminazione dei buoni lavoro si sta aprendo ora una nuova fase, quella dei contratti “dopo voucher”. Cosa prevede la futura norma?

 

http://anclsu.com/public/news/news/Infografica_voucher.pdf


15.05.2017 L’indice di rivalutazione del TFR di aprile 2017  

L’ISTAT ha comunicato che l’indice dei prezzi al consumo per il mese di aprile 2017 è pari al 101,30 punti.

 

Il coefficiente di rivalutazione del TFR valido per le cessazioni dei rapporti di lavoro intervenute nel periodo dal 15/04/2017 al 14/05/2017 è pari al 1,247757

 

Siamo a disposizione per ulteriori informazioni.


09.05.2017 Compensazioni crediti solo tramite F24 Entratel e Fisconline  

Dal 01/06/2017 sarà in vigore l’obbligo di utilizzo i canali Entratel e Fisconline per le compensazioni dei crediti in Mod. F24. In questi casi non sarà più possibile utilizzare i servizi di internet banking.

 

E’ previsto l'obbligo generalizzato di utilizzare i canali telematici messi a disposizione dall'Agenzia delle Entrate per qualsiasi somma oggetto di compensazione, sia che si tratti di Iva, sia che si tratti di imposte sui redditi, Irap, ritenute alla fonte, addizionali, imposte sostitutive e crediti d'imposta.

 

Nell’ambito dell’amministrazione del personale la maggior parte dei Mod. F24 contengono crediti da compensare (p. es. Bonus Renzi, crediti da Mod. 730).

 

Per i pagamenti con Mod. F24 i titolari con partita IVA devono dotarsi di un utenza telematica oppure rivolgersi ad un intermediario abilitato.

 

Siamo a disposizione per ulteriori informazioni.


19.04.2017 Comunicazione preventiva di distacco transnazionale di lavoratori in Italia  

Le aziende straniere che distaccano i lavoratori in Italia dovranno effettuare la comunicazione preventiva di distacco del personale al Ministero del Lavoro entro le ore 24 del giorno antecedente.

 

La mancata comunicazione in via telematica tramite il modello UNI_DISTACCO_UE di:

 

- distacco entro le ore ventiquattro del giorno antecedente all’inizio del distacco stesso;
- annullamento/nuova comunicazione di dati essenziali entro le ore ventiquattro del giorno antecedente all’inizio del distacco del lavoratore;
- -modificazioni successive concernenti dati non essenziali entro cinque giorni dal verificarsi dell’evento;

 

sono punite con la sanzione amministrativa pecuniaria da 150 a 500 Euro per ciascuna violazione e per ogni lavoratore interessato.

 

Siamo a disposizione per ulteriori informazioni.
 


14.04.2017 L’indice di rivalutazione del TFR di marzo 2017  

L’ISTAT ha comunicato che l’indice dei prezzi al consumo per il mese di marzo 2017 è pari al 101,00 punti.

 

Il coefficiente di rivalutazione del TFR valido per le cessazioni dei rapporti di lavoro intervenute nel periodo dal 15/03/2017 al 14/04/2017 è pari al 0,898430

 

Siamo a disposizione per ulteriori informazioni.


13.04.2017 Benefici fiscali per il lavoratori impatriati - opzione entro il 02/05/2017  

I lavoratori rimpatriati possono optare per il nuovo regime fiscale agevolativo fino al 02/05/2017.

Il decreto per la crescita e internazionalizzazione delle imprese ha introdotto per i lavoratori che trasferiscono la residenza in Italia una specifica agevolazione, che consente agli stessi di ottenere una riduzione della base imponibile ai fini Irpef, del 30% per l’anno di imposta 2016, e del 50% a partire dal periodo di imposta 2017 e per i tre successivi.

 

Tale disposizione si contrappone all’agevolazione in vigore fino al 31/12/2017, che prevede una non imponibilità del reddito prodotto nella misura del 70% o 80%, a seconda si tratti di uomo o donna.

 

La contrapposizione è superabile dai lavoratori rientrati entro il 31/12/2015, i quali entro il 02/05/2017 possono optare per il nuovo regime di favore, riducendo l’esenzione ma aumentando il periodo interessato all’agevolazione.


L’agevolazione è consentita al verificarsi delle seguenti condizioni:
a) i lavoratori non sono stati residenti in Italia nei cinque periodi d’imposta precedenti il predetto trasferimento e si impegnano a permanere in Italia per almeno due anni;
b) l'attività lavorativa è svolta presso un'impresa residente nel territorio dello Stato in forza di un rapporto di lavoro instaurato con questa o con società che direttamente o indirettamente controllano la medesima impresa;
c) l'attività lavorativa è prestata nel territorio italiano per un periodo superiore a 183 giorni nell'arco di ciascun periodo d'imposta;
d) i lavoratori svolgono funzioni direttive e/o sono in possesso dei requisiti di elevata qualificazione o specializzazione (come definiti dai D.Lgs. 108/2012 e 206/2007).

 

Il provvedimento ha ampliato la platea dei beneficiari. Per usufruire dell’agevolazione non è richiesta alcuna pregressa esperienza lavorativa o di studio in Italia.

 

Per accedere all’agevolazione, irrevocabile, i lavoratori dovranno presentare un’apposita richiesta scritta al proprio datore di lavoro.

 

Siamo a disposizione per ulteriori informazioni.


20.03.2017 Abolizione dei buoni di lavoro - Voucher  

Con decreto legge il Consiglio dei Ministri ha deliberato la totale abolizione del lavoro accessorio (voucher). I voucher già acquistati potranno essere spesi entro il 31/12/2017.

 

A decorrere dal 18/03/2017 non sarà più possibile richiedere o acquistare nuovi buoni lavoro.


Fino al 31/12/2017 per effetto del regime transitorio previsto sarà possibile utilizzare o chiedere il rimborso dei voucher richiesti o acquistati sino al 17/03/2017.

 

Ricordiamo che il provvedimento essendo stato introdotto a mezzo di Decreto Legge è immediatamente operativo ma dovrà essere convertito in Legge dal Parlamento entro 60 giorni.

 

Siamo a disposizione per ulteriori informazioni.
 


20.03.2017 L’indice di rivalutazione del TFR di febbraio 2017  

L’ISTAT ha comunicato che l’indice dei prezzi al consumo per il mese di febbraio 2017 è pari al 101,00 punti.

 

Il coefficiente di rivalutazione del TFR valido per le cessazioni dei rapporti di lavoro intervenute nel periodo dal 15/02/2017 al 14/03/2017 è pari al 0,773430

 

Siamo a disposizione per ulteriori informazioni.


20.03.2017 Novità per il congedo padre per nascita figlio 2017  

L’Inps ha comunicato la proroga del congedo obbligatorio per i padri lavoratori dipendenti per nascite e adozioni/affidamenti avvenuti nell’anno solare 2017.
 
Il congedo obbligatorio è pari a due giorni, da fruire entro i cinque mesi di vita o dall’ingresso in famiglia o in Italia (in caso di adozione/affidamento nazionale o internazionale) del minore.

 

Il congedo facoltativo per i padri non è invece prorogato per l’anno 2017, pertanto non potrà essere fruito né indennizzato da parte dell’Istituto.

 

Siamo a disposizione per ulteriori informazioni.


23.02.2017 INAIL: domanda riduzioni premi online per l’anno 2017 - modello OT 24  

Scade il 28/02/2017 il termine di presentazione all’Inail delle domande online per ottenere la riduzione del premio assicurativo.

 

Lo sconto è rivolto alle aziende, operative da almeno un biennio, che hanno realizzato interventi per migliorare le condizioni di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro ulteriori rispetto a quelli obbligatori previsti dalle disposizioni sulla sicurezza sul posto di lavoro.

 

Il modello OT 24 può essere scaricato, assieme agli allegati, assieme alla guida per la compilazione e al questionario di autovalutazione dal sito INAIL.

 

Consigliamo ai nostri clienti di compilare la domanda dopo aver consultato il consulente esperto sulla sicurezza sul lavoro.

 

Siamo a disposizione per ulteriori informazioni.


22.02.2017 L’indice di rivalutazione del TFR di gennaio 2017  

L’ISTAT ha comunicato che l’indice dei prezzi al consumo per il mese di gennaio 2017 è pari al 100,60 punti.

 

Il coefficiente di rivalutazione del TFR valido per le cessazioni dei rapporti di lavoro intervenute nel periodo dal 15/01/2017 al 14/02/2017 è pari al 0,349327

 

Siamo a disposizione per ulteriori informazioni.


21.01.2017 Comunicazione periodica utilizzo lavoratori somministrati per l’anno 2016  

Entro il 31/01/2017 le aziende che abbiano concluso, nel corso dell’anno 2016, contratti con le agenzie di somministrazione sono tenute a comunicare alla rappresentanza sindacale unitaria, ovvero alle rappresentanze aziendali e, in mancanza, alle associazioni territoriali di categoria aderenti alle confederazioni dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale, il numero e i motivi dei contratti di somministrazione conclusi.

 

La comunicazione suddetta, che può essere inoltrata direttamente dall’azienda o per il tramite dell’associazione dei datori di lavoro alla quale aderisca, dovrà contenere, oltre ai motivi anche la durata dei contratti, il numero e la qualifica dei lavoratori interessati.

 

Alcune agenzie del lavoro sono disponibili a predisporre tala documentazione.

 

Il mancato o il non corretto assolvimento dell’obbligo entro il 31 gennaio determina l’applicazione della sanzione amministrativa pecuniaria pari a un importo da Euro 250 a Euro 1.250.

 

Ricordiamo che i somministrati e i distaccati devono essere registrati sul Libro Unico del Lavoro all’inizio e alla fine dell’impiego presso l’utilizzatore o il distaccatario, fermo restando la possibilità di procedere alla registrazione degli stessi anche in tutti i mesi di impiego.

 

Siamo a disposizione per ulteriori informazioni.

 


16.01.2017 L’indice di rivalutazione del TFR di dicembre 2016  

L’ISTAT ha comunicato che l’indice dei prezzi al consumo per il mese di dicembre 2016 è pari al 100,30 punti.

 

Il coefficiente di rivalutazione del TFR valido per le cessazioni dei rapporti di lavoro intervenute nel periodo dal 15/12/2016 al 14/01/2017 è pari al 1,795304

 

Siamo a disposizione per ulteriori informazioni.


16.01.2017 Agevolazioni contributive abrogate dal 01/01/2017  

Dal 01/01/2017 i datori di lavoro non possono più beneficiare delle agevolazioni contributive in relazione alle seguenti nuove assunzioni o alle trasformazioni di contratti a tempo determinato:

 

- Assunzione con contratto a tempo determinato e a tempo indeterminato di lavoratori iscritti nelle liste di mobilità

 

- Trasformazione a tempo indeterminato di lavoratori iscritti nelle liste di mobilità

 

- Apprendisti – sgravio del 100% dei contributi dovuti dai datori di lavoro che occupano fino a nove dipendenti

 

- Esonero contributivo biennale per le assunzioni/trasformazioni a tempo indeterminato

 

Siamo a disposizione per ulteriori informazioni.


02.01.2017 Pubblicate le tabelle ACI per l’anno 2017  

Sono state pubblicate nella Gazzetta Ufficiale le tabelle dei costi chilometrici di esercizio di autovetture e motocicli elaborate dall'ACI valide per il 2017. Sono utili al calcolo dell'imponibile fiscale e previdenziale del fringe benefit (retribuzione in natura) per i veicoli aziendali concessi ad uso promiscuo ai dipendenti e ai collaboratori coordinati e continuativi.

 

Per autoveicoli, motocicli e ciclomotori concessi in uso promiscuo il valore del fringe benefit è pari al 30% dell'importo che corrisponde a una percorrenza convenzionale di 15.000 chilometri, importo calcolato sulla base del costo chilometrico di esercizio desumibile dalle tabelle Aci, al netto degli importi eventualmente trattenuti al dipendente. Mentre, per veicoli concessi per uso esclusivamente personale, si applica la regola generale, ossia che l'imponibile fiscale è determinato con il criterio del valore normale, cioè al valore di mercato del noleggio di quel determinato tipo e modello di veicolo.

 

Se nella tabella Aci non è presente il veicolo aziendale utilizzato, l'ammontare del reddito in natura va calcolato prendendo come riferimento il modello con le caratteristiche più simili.

 

-> ACI Tabelle 2017

 

Siamo a disposizione per ulteriori informazioni.